Home / ATTIVITA' PARLAMENTARE / QUESTIONI NAZIONALI / Il consumo di suolo sta mangiandosi la Lombardia
Il consumo di suolo sta mangiandosi la Lombardia

Il consumo di suolo sta mangiandosi la Lombardia

Condivido il post di Dario Violi

Il consumo di suolo continua a mangiarsi interi servizi ecosistemici. Ispra calcola 23.000 chilometri quadrati persi in modo irrimediabile: solo in sei mesi, tra il 2015 e il 2016, sono stati consumati 5000 ettari di suolo, l’equivalente di 5700 campi di calcio. La provincia di Monza-Brianza è quella con il tasso di cementificazione più alto, seguita da Napoli e Milano. In generale, però, è nella Pianura Padana che la disponibilità di terra sta scomparendo più rapidamente.

Questo il dato più preoccupante dell’Annuario dei dati ambientali redatto da Ispra e presentato oggi a Montecitorio. Anche in questa classifica Lombardia e Pianura Padana la fanno da padrone. E se siamo in questa condizione la responsabilità è di governi regionali senza visione sul futuro. Se vi ricordate, meno di un anno fa, eravamo in Consiglio Regionale a protestare veemente contro un provvedimento AMMAZZA SUOLO voluto da tutta la maggioranza, una modifica di una legge regionale sul consumo di suolo che ha dato un via libera indiscriminato alla cementificazione selvaggia, che ha permetteva di cementificare aree verdi in Lombardia pari a due volte e mezza l’estensione del Comune di Milano! (INFO QUI: https://goo.gl/9ZqZxr).

Quando leggete queste notizie, quanto vi troverete di fronte al ennesimo smottamento e allagamento, sappiate che c’è sempre una responsabilità politica dietro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top