Home / Segnalazioni dal territorio / La sentenza del Tribunale: l’elettrosmog è nocivo per la salute
La sentenza del Tribunale: l’elettrosmog è nocivo per la salute
La sentenza del tribunale riconosce il nesso causale fra elettrosmog e danni alla salute

La sentenza del Tribunale: l’elettrosmog è nocivo per la salute

Ricevo e condivido il comunicato dell’Associazione Sottocorno: 

Sentenza del Tribunale di Verona è la prima che riconosce la correlazione tra una patologia neoplastica e l’esposizione a campi elettromagnetici non ionizzanti a bassa frequenza.

Ora nell’ambito dell’inquinamento elettromagnetico generato dalle basse frequenze i cosiddetti C.E.M.  , il giudice , in questo caso, riconosce la correlazione tra una malattia ematologica e l’esposizione alle basse frequenze emesse da una centrale adibita alla produzione di energia elettrica.

Comprendiamo molto bene  la fondamentale portata di questa sentenza soprattutto per chi è stato esposto ad induzioni magnetiche derivanti da ELETTRODOTTI, CABINE DI TRASFORMAZIONE, ecc., sembra quanto meno mutato il quadro legislativo ora sarebbe importante ed intelligente variare anche il quadro normativo perché : L’ELETTROSMOG ESISTE ED E’ NOCIVO IL GIUDICE HA RICONOSCIUTO IL NESSO CASUALE PERCHÉ ESISTONO LE EVIDENZE SCIENTIFICHE.

Scrive il “Mattino di Padova“: In prima battuta l’Inail aveva rigettato la richiesta di indennità, non riconoscendo la qualifica di malattia professionale. Di qui il ricorso, seguito da un team di assistenti molto qualificati: il professor Angelo Levis (già Ordinario di Mutagenesi Ambientale presso l’Università di Padova e presidente di Apple, l’Associazione Per la Prevenzione e Lotta all’Elettrosmog), il dottor Vincenzo Cordiano (specialista in Ematologia e in Medicina Interna presso l’Ospedale di Valdagno) e gli avvocati Cristina Guasti e Matteo Ceruti del Foro di Rovigo, esperti di diritto ambientale. La sentenza ha dato ragione al ricorrente, condannando l’Inail a corrispondergli l’indennizzo dovuto e le spese legali. La pronuncia del giudice Angeletti fa seguito alle recenti sentenze dei tribunali di Ivrea e Firenze e a quella della Corte d’Appello di Brescia con le quali è stato riconosciuto il nesso di causa tra l’insorgenza di patologie tumorali al cervello e l’esposizione alle onde elettromagnetiche emesse dai telefoni mobili (cellulari e cordless)…………. leggi QUI l’articolo completo sul Mattino di Padova .

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top