Home / ATTIVITA' PARLAMENTARE / Meno verde urbano e più tasse, questa la stabilità del PD
Meno verde urbano e più tasse, questa la stabilità del PD

Meno verde urbano e più tasse, questa la stabilità del PD

Questa mattina, la maggioranza ha bocciato l’emendamento anti-TOSAP alla legge di stabilità.

La proposta che avevo presentato puntava ad alleggerire la pressione fiscale su quei commercianti, o attività commerciali, che si sarebbero fatti carico di promuovere lo sviluppo del verde urbano, all’interno degli spazi antistanti alle proprie attività. Nulla da fare quindi, nonostante in Commissione l’emendamento avesse trovato un appoggio pressocché trasversale. Anche l’ex Ministro Stefania Prestigiacomo, aveva sostenuto la proposta derubricando alla voce errore l’introduzione della TOSAP stessa, avvenuta durante il suo ministero.

Con questo cartello, nel 2011, il PD esprimeva il suo pensiero sulla legge di stabilità

Con questo cartello, nel 2011, il PD esprimeva il suo pensiero sulla Legge di Stabilità

L’idea era semplice. Detassare i commercianti, già vessati in maniera eccessiva dell’attuale tassazione, per incentivare il verde urbano. Il tutto senza ulteriori costi per la collettività. In particolare, l’obiettivo dell’emendamento sarebbe stato quello di incentivare la destinazione ad aiuole, e quindi a spazi di verde urbano, delle aree adiacenti o comunque funzionali a pubblici esercizi introducendo l’esenzione dalla TOSAP (TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE), per le aiuole realizzate o da realizzare in spazi adiacenti o comunque funzionali a pubblici esercizi (stazioni ferroviarie, aeroporti, supermercati e ipermercati, stabilimenti balneari, punti vendita di commercio al dettaglio, e così via). Noi avremmo perseguito il nostro obiettivo, ovvero quello di promuovere la creazione di un piano organico di sviluppo ambientale ed energetico, allo stesso tempo avremmo permesso di alleggerire la pressione fiscale sulle attività commerciali.

Il governo invece ha preferito continuare a vessare una categoria, quella dei commercianti, fra le più colpite dall’attuale sistema tributario. Risulta davvero complicato comprendere le ragioni dell’esecutivo. Del resto, e questo ormai lo abbiamo imparato, il modo in cui la maggioranza si mostra inflessibile con i più in difficoltà, è inversamente proporzionale al modo in cui è solita mostrarsi disponibile con lobby e poteri forti.

Insomma, meno spazi verdi nelle nostre città e più tasse per i negozianti. Questo è il resoconto di una giornata in Parlamento, questa è l’Italia che Renzi ed i suoi stanno progettando alle nostre spalle.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top