Home / ATTIVITA' PARLAMENTARE / QUESTIONI NAZIONALI / Perché cadiamo? Per imparare a rimetterci in piedi
Perché cadiamo? Per imparare a rimetterci in piedi

Perché cadiamo? Per imparare a rimetterci in piedi

Servirà più di una lunga giornata di riflessione per imparare tutti i significati di questa lezione. E una volta imparati sono sicuro non ci saranno né decisioni facili né soluzioni immediate, alla fine del percorso.

Sono convinto però che supereremo anche questo e che lo supereremo uniti, da Movimento Cinque Stelle. Sono quello che si potrebbe definire un “grillino della prima ora”, di quelli che si emozionano ancora quando sentono Beppe in piazza, e ricordo bene da dove siamo partiti e come siamo arrivati ad essere quello che siamo: lavoro, umiltà e proposte.

Lavoro. Da oggi si torna a fare fatica, quella vera. Forse, la nostra storia recente, la nostra travolgente crescita, ci ha portati a commettere l’errore più grave, cioè a dare per scontate proprio quelle cose che ci avevano permesso di viverla questa storia. Noi nasciamo affinché il portavoce entri nelle istituzioni come emanazione della base, abbiamo finito per ribaltare il rapporto trasformando la base in emanazione del portavoce all’interno delle istituzioni. Una peccato senza colpevoli né colpe a mio avviso, tutto è successo talmente in fretta che spesso siamo stati costretti a fare di necessità virtù. Una situazione alla quale però dobbiamo rimediare e non credo sarà difficile farlo. In questi mesi di campagna elettorale sono stato sui territori e ho visto tantissimi attivisti, tantissimi cittadini, che non aspettano altro che poter rimettersi in gioco come all’inizio. Serve solo trovare il modo di ridar loro entusiasmo e soprattutto ascolto.

Una necessità per assolvere alla quale serve grande umiltà. Da parte di tutti. Dove per tutti intendo sia chi dovrà tornare ad ascoltare, sia chi deve essere ascoltato. Ripartire insieme significa questo. Agevolare questo processo non significa strutturarsi per correre dietro ai partiti, sarebbe sbagliato, ma crescere come Movimento Cinque Stelle.

Proposte. I partiti che promuovono politiche a tutela dell’ambiente crescono nei principali stati europei, grazie principalmente al voto dei giovani ed occuperanno un numero maggiore di seggi all’interno del prossimo Parlamento Europeo. La tutela dell’ambiente è una delle nostre stelle. Il Movimento Cinque Stelle è l’unica forza politica che in Italia promuove con coerenza politiche ambientali, attraverso le quali guardare ad un futuro sostenibile. Questo è un aspetto che DEVE essere tenuto in considerazione.

Concludo ringraziando i cittadini che hanno rinnovato la fiducia nel nostro Movimento, siamo sempre tantissimi basta pensare che esistono partiti che oggi sono la metà, o meglio, sono un terzo di noi, che  pretenderebbero di far cadere il governo, non si sa bene in virtù di quale logica. Ringrazio gli attivisti che hanno lavorato con me sul territorio, la loro passione è e sarà la nostra forza. Grazie a tutti i candidati alle amministrative e a chi entrerà nei consigli comunali. A loro spetta il compito più duro, da loro dobbiamo ripartire e a loro farò di tutto per non far mancare mai il mio appoggio.

Infine complimenti alla mia concittadina Eleonora Evi, so che continuerà a rappresentarci con passione e competenza all’interno del prossimo Parlamento Europeo.

One comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top