Home / ATTIVITA' PARLAMENTARE / Regione Lombardia approva le trivelle a un passo dalla scuola
Regione Lombardia approva le trivelle a un passo dalla scuola

Regione Lombardia approva le trivelle a un passo dalla scuola

Nonostante tutti i rischi connessi al progetto, nonostante le possibilità geologiche di successo siano solo del 22 per cento, nonostante l’impatto che la realizzazione del pozzo avrebbe sulla già delicata questione dell’inquinamento all’interno della pianura padana, nonostante questo ed altro, Regione Lombardia ha votato il suo ok al progetto di perforazione del pozzo esplorativo «Moirago 1».

De rOsa No Triv

Il mio intervento a Zibido San Giacomo

L’assenso di Regione Lombardia riguarda il permesso di ricerca esclusivo per idrocarburi liquidi e gassosi, convenzionalmente denominato «Badile», all’interno del territorio delle province di Milano e Pavia, per la precisione nel comune di Zibido San Giacomo. Il pozzo di estrazione gas nel parco agricolo sud Milano, si trova a poche decine di metri dalle abitazioni, dalle sedi di numerose aziende, a 350 metri dall’autostrada Milano-Genova, a 950 metri dalle scuole elementari e medie di Zibido e a 1000 metri dalla scuola materna di Moirago.

Avevamo posto al Ministero dello sviluppo economico, un’interrogazione parlamentare riguardo all’opportunità del progetto in questione, è incredibile dover notare come Regione Lombardia abbia scelto ancora una volta il passato. Nonostante i passi avanti fatti dal mondo intero alla Conferenza Mondiale sul Clima di Parigi, Cop 21, chi governa preferisce ancora strizzare l’occhio ad un modello energetico ormai superato, piuttosto che promuovere un piano organico a livello Regionale e Nazionale di sviluppo sostenibile. E’ incredibile che si scelga ancora di appoggiare progetti legati ad energie fossili. Progetti inquinanti, incapaci di tutelare il territorio e la salute dei cittadini. Come Movimento Cinque Stelle, continueremo a garantire il nostro appoggio ai comitati No Triv e ai cittadini di Zibido San Giacomo, al fine di portare la loro voce all’interno delle istituzioni, ogniqualvolta ci sarà permesso.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top