Home / ATTIVITA' PARLAMENTARE / QUESTIONI NAZIONALI / #Trivellopoli adesso il #PD getta fango sul #M5S
#Trivellopoli adesso il #PD getta fango sul #M5S

#Trivellopoli adesso il #PD getta fango sul #M5S

Per sviare l’attenzione da uno scandalo, quello di #Trivellopoli che, ora dopo ora, si sta allargando a macchia di petrolio coinvolgendo i principali dicasteri del governo Renzi, ecco mettersi in moto gli strapagati spin doctor di Renzi ed i suoi costosissimi (vorremo capire chi paga) guru della comunicazione.
12963645_956964734418898_87901527916227144_nFase 1 – Smentire fino a negare l’evidenza. Matteo Renzi: “Noi governo delle lobby è una barzelletta” oppure: “La procura di Potenza non arriva mai a sentenza”.
Fase 2 – Rifiutarsi di rispondere a domande nel merito e spostare l’attenzione su altri argomenti. Matteo Renzi: “Le domande fatele agli altri” dice il premier ai giornalisti accreditati al termine delle conferenza stampa in cui annuncia l’avvio dei lavori della banda larga, progetto peraltro già presentato otto mesi fa. Oppure Maria Elena Boschi che, dopo l’incontro con la procura di Potenza, scappa scortata da otto guardie del corpo il cui compito è quello di tenere lontani i giornalisti.
Fase 3 – Gettare fango sull’avversario. Il ministro Graziano Delrio, coinvolto nello scandalo dalle dichiaraizoni dell’ex ministra Guidi – neanche fosse una guerra fra gang – e accusato di aver favorito nomine suggerite da Gemelli: “Delrio e Lo Bello stanno portando avanti la nostra nomina”, in un’itervista tenta goffamente di tirare in ballo la sindaca di Augusta, Maria Concetta Di Pietro del Movimento Cinque Stelle. La quale ha immediatamente smentito le accuse: “Delrio e’ con la spalle al muro e cerca di trascinarci nel fango con lui. Ho incontrato una sola volta il ministro, nei suoi uffici, e abbiamo discusso solo del porto ‘Core’. Con tutto il rispetto, farebbe bene a stare zitto, il Governo di cui Delrio fa parte e’ al centro di uno scandalo che sta facendo emergere il comitato d’affari che si e’ insediato a Palazzo Chigi”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top